La “Bella racchia” dei Vastax e altre storie…

Di Alex Simone

E’ un pop demenziale pensato quello dei Vastax, trio materano sulle scene fin dal 1982 con ben 22 album all’attivo. E’ online in questi giorni Bella racchia, un singolo che precede la pubblicazione del cd di riepilogo dei trent’anni di attività del complesso, la cui uscita è prevista per ottobre, dall'”impossibile” titolo Entrambi noi tre.

Nella divertente Bella racchia si canta il desiderio di trovare una compagna ma, senza nessuna pretesa, beh…come da un verso della canzone “che non somigli alla figlia di Fantozzi”; per altri “ineffabili” ed imprevedibili allegri dettagli non resta che ascoltarla!

Se ci fosse ancora la lira sarei tuo marito… due righe vanno spese anche per quest’album uscito a fine 2010, nel quale emerge il lato serio dei Vastax, la riflessione ironizzata su molti aspetti e sfumature della quotidinatità; In Amore non essere così amore ma palesata soprattutto in Solo per sfilo, il trio esplicita con la solita verve comica e sottile sarcasmo, disagio e ovvio disappunto verso l’euro, causa non ultima dei guai economici di tutti e, come i Vastax recitano in un verso della canzone “C’e sempre qualcuno che te lo mette nell’Onu…”

Fra gli elementi del gruppo una menzione particolare va fatta per Pino Oliva, illustratore grafico e fumettista tra i più valenti e noti di fine novecento e albori del nostro secolo. L’opera di Pino Oliva dal titolo Aquarium, sarà consegnata al vincitore del Blue Song Online Festival, gara canora estiva del web, organizzata da Musica & Contorni. http://soundcloud.com/vastax/bella-racchia

Aquarium di Pino Oliva

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...