Leiji Matsumoto, genio dell’arte nipponica

Musica & Contorni, vuole occuparsi di uno dei più grandi disegnatori del mondo, Leiji Matsumoto, in Italia noto come autore di fortunate serie televisive d’animazione, tra cui la più famosa Capitan Harlock, andata in onda sulle reti Rai fra il 1979 e il 1980. Famosa la sigla di successo cantata da La Banda dei Bucanieri, reperibile su www.itunes.com
Altre note serie sono Star Blazers e Galaxy Express, trasmesse in Italia negli anni’80.
Per saperne di più, vi consiglio vivamente di fare un excursus sui siti che riguardano Matsumoto e di visitare i siti www.lafeltrinelli.it e www.ibs.it  in cui potete trovare assoluti suoi capolavori d’animazione in dvd, fra cui anche alcuni lungometraggi.
 
Alex Simone
 

 

BIOGRAFIA

Leiji Matsumoto (松本 零士, Matsumoto Reiji?, vero nome Akira Matsumoto) (Kurume, 25 gennaio 1938) è un autore di fumetti e animatore giapponese.

Akira Matsumoto, in arte Leiji, sviluppa precocemente l’interesse per il disegno, e vince a soli 15 anni un concorso, grazie al quale pubblica il suo primo lavoro, Le avventure di un’ape (1954), sulle pagine del magazine Manga Shonen.

Inizia a lavorare su degli shojo manga, pubblicati su riviste femminili, con i quali attira l’attenzione del grande pubblico. Passa in seguito a serie per ragazzi, specializzandosi in quelle di fantascienza che lo hanno reso celebre, caratterizzate dal suo tratto più attento alle suggestioni che al realismo.

Sceglie per sé come titolo artistico il termine Leiji, poiché la grafia dei kanji corrispondenti, richiama fortemente, in modo stilizzato e fumettistico, il disegno degli Zero, i caccia giapponesi della seconda guerra mondiale. Suo padre è stato pilota di uno Zero.

Tra i fumetti che realizzò prima di cimentarsi con le sue celebri serie fantascientifiche, vi fu la commedia Otoko Oidon (“Io sono un uomo”, il cui protagonista – probabilmente caricatura dello stesso Matsumoto – era un maldestro giovane alle prese con gli esami di ammissione all’università) ed il western Gun Frontier, la cui eredità sarebbe stata raccolta dalla saga di Capitan Harlock, dove non mancano dei pianeti governati dalla legge della pistola.

Tra i suoi manga più famosi vanno ricordati Galaxy Express 999, Corazzata Spaziale Yamato (la più longeva casa di distribuzione di anime in Italia, Yamato Video, prende il nome proprio da questa serie), Danguard A, Queen Emeraldas, La Regina dei Mille Anni e, soprattutto, Capitan Harlock, personaggio al quale ha dedicato ben quattro distinte serie, tra cui la penultima, un breve ciclo di OAV, concepita in chiave di rivisitazione fantascientifica della saga wagneriana dei Nibelunghi.

Tutte queste serie, che spesso si intrecciano tra di loro attraverso le tematiche, mescolando personaggi e avvenimenti ricorrenti, sono tutte state trasposte in fortunati anime curati dallo stesso Matsumoto. A partire dagli anni Settanta, infatti, egli si dedica direttamente anche all’animazione, in particolare alla regia generale dei lungometraggi cinematografici e dei serial televisivi.

Leiji Matsumoto è anche l’autore di Interstella 5555, un anime-musical con colonna sonora dei Daft Punk. Alcuni estratti del film sono stati proposti come videoclip per i singoli che la band francese ha distribuito durante il lancio del proprio album.

Matsumoto è stato anche il disegnatore della serie “Tyltyl, Mytyl e l’uccellino azzurro” (diretta da Hiroshi Sasagawa), tratta da un racconto dello scrittore e Premio Nobel belga Maurice Maeterlinck.

Matsumoto possiede una delle collezioni di fumetti più importanti al mondo, ed è anche autore di un saggio sulla storia dei manga.

Lo stile di Matsumoto rende inconfondibili e uniche le sue opere nel campo del fumetto mondiale. I suoi manga, particolarmente quelli di fantascienza, si avvalgono di un tratto romantico-barocco.

I protagonisti hanno dei tratti ricorrenti: le figure, in particolar modo quelle femminili, sono slanciate e affusolate secondo un grado di delicatezza di rara bellezza che le rende al tempo stesso divine e tragicamente fragili. Rinviando alla tradizione delle strisce umoristiche, gli altri personaggi sono generalmente tozzi e grotteschi, comici all’apparenza, tutti caratterizzati da mosse particolari del corpo e dello sguardo, e con una personalità in grado di rivelarsi d’improvviso.

I suoi universi risentono senz’altro dell’esperienza della seconda guerra mondiale: vi si trova il degrado morale e materiale di una società post-atomica. Le masse degli individui sono costrette a subire senza possibilità di riscatto in una società ultra post-industriale, altamente automatizzata, priva di cultura, incapace di produrre del nuovo, ma solo di perpetuare il medesimo. Per questo i personaggi di Matsumoto sono degli anarchici o degli eroi, agiscono sul piano della storia come i personaggi del western agivano sulla frontiera. Combattono in piena coscienza e per libera scelta, rischiando pure la propria vita per affermare i propri sogni.

La fantascienza di Leiji Matsumoto crea una space-opera fortemente connotata da elementi stilistici originali, che nel disegno trovano una risoluzione semplice e immediata tra il taglio politico e morale del racconto e lo stato d’animo, pregnante e malinconico.

È anche da rilevare come Matsumoto abbia sempre cercato di far agire i suoi eroi spaziali su di un background comune, come se tutti vivessero nello stesso universo, similmente a come viene gestita la continuity dell’universo a fumetti della Marvel. Non sono mancati i refusi e le inesattezze, ma la sua scelta si è rivelata decisamente originale.

    MUSICA & CONTORNI suggerisce

Dvd con le musiche dei francesi Daft Punk e con le animazioni di Matsumoto

http://www.soundsblog.it/post/2330/aerodynamic-capitan-harlock-daft-punk-digital-love-galaxy-express-999-harder-better-faster-stronger-matsumoto-one-more-time-videoclip (video dei Daft Punk, la cui animazione è stata realizzata da Matsumoto).

http://www.lafeltrinelli.it/products/0724349095298/Interstella_5555/Daft_Punk.html?prkw=leijimatsumoto&srch=0&cat1=3&prm=&Cerca.x=27&Cerca.y=24 

http://www.mymovies.it/dizionario/recensione.asp?id=34761 (include descrizione e redcensione di Interstella 5555).

MUSICA & CONTORNI suggerisce

 Maetel Legend – Sinfonia D’Inverno
Lametahl, un pianeta condannato a perdersi nello spazio e avvolto nel gelido abbraccio di un inverno senza fine. La sovrana di questa stella di ghiaccio, la Regina dei Mille Anni, nel tentativo di offrire un domani al suo popolo, accetta di sottoporre il suo corpo alla trasformazione meccanica, senza nulla sospettare dei sogni di conquista dell’ideatore del progetto, lo scienziato Hard Gear. Ma il freddo del metallo può trasformare anche la mente, e le giovani principesse Maetel ed Esmeralda si ribellano ad un crudele futuro che appare ineluttabile. Scoprirete tutto sulla gioventù di Maetel, la misteriosa viaggiatrice del Galaxy Express 999, e della rossa Esmeralda, la piratessa spaziale che come Harlock ha deciso di battersi sotto la bandiera della libertà. Un anime imperdibile!

http://www.ibs.it/dvd/8016573008192/kazu-yokota/maetel-legend-sinfonia-d-inverno.html

Annunci

One thought on “Leiji Matsumoto, genio dell’arte nipponica

  1. Pingback: Notizie dai blog su Leiji Matsumoto: le sigle originali degli anime più noti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...